Covid: Dottor Binario “Esperienza modello da mettere presto a sistema”


Pubblicato il 15.12.2020 in News Sociale

Quando Marco (nome di fantasia) è arrivato al Binario 95 della Stazione Termini in difficoltà, malato di tubercolosi e senza un posto dove alloggiare, ha trovato non solo il modo per fare un tampone anti covid, ma anche un comunità e una rete che lo hanno assistito e aiutato a ritornare nel suo paese in Sud America, finalmente sano dopo un lungo periodo di stenti sulle strade della Capitale. Quello che fa Dottor Binario, il progetto di tutela e prevenzione sanitaria avviato dall’ONDS, Osservatorio nazionale della Solidarietà nelle Stazioni italiane, e realizzato da Binario 95, in partenariato con l’Istituto San Gallicano, Roma Capitale e con il supporto della Regione Lazio e delle Ferrovie dello Stato Italiane ed altri organismi istituzionali e del privato sociale, è molto di più di un contributo per la prevenzione e il monitoraggio del Covid-19 in favore delle persone senza dimora della capitale.

Vengono per il tampone anti covid, – spiega il dott. Aldo Morrone, direttore scientifico dell’Istituto San Gallicano e coordinatore del progetto – ma poi li prendiamo in cura e ci occupiamo della salute della persona”. Ad oggi, spiega il dott. Morrone, sono stati fatti 1200 test a persone in condizione di estrema fragilità, non solo persone senza fissa dimora, ma anche minori non accompagnati, operatori e volontari delle associazioni, pensionati fragili, tra questi non solo tamponi sierologici e molecolari per diagnosticare il covid ma anche test sierologici per l’epatite A,B e C.

L’incidenza del covid è alta, ma abbiamo trovato anche una presenza elevata di epatite, tale da doversi porre il problema della terapia di questi soggetti. Con l’occasione del covid curiamo quindi queste persone, del resto l’Oms ha dichiarato che nessuno va lasciato solo in questo momento”, commenta ancora Morrone durante il webinar “Dottor Binario: un’eccellenza in prima linea contro il covid” organizzato il 15 dicembre dalla consigliera della Regione Lazio Marta Bonafoni, e che ha visto la partecipazione, oltre che del dottor Morrone, anche dell’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato e di Alessandro Radicchi, direttore di Binario 95. “Dott. Binario è una bella storia – ha commentato Marta Bonafoni – e non è facile incrociare belle storie; non lo è durante pandemia e non lo è per chi si occupa degli ultimi. Invece questa storia dimostra che si possono mettere intorno a un tavolo soggetti diversi, che magari di solito faticano a parlarsi, per una giusta causa. E’ una storia che funziona e che sta dando i primi risultati, portando il suo contributo a lenire quella ferita nella ferita della pandemia che sono le disuguaglianze, sempre più crudeli”.

Ora questa esperienza deve diventare un pezzo del servizio sanitario regionale”, chiede Bonafoni. Una necessità sulla quale concordano anche Radicchi e Morrone. Spiega Radicchi: “Il lavoro di questa realtà deve diventare strutturale, bisogna studiare un percorso che preveda alloggi da destinare agli persone infette, anche perché, lo ricordiamo, le persone senza fissa dimora non possono accedere ai centri di accoglienza senza un risultato negativo. Per questo occorre una procedura chiara”. Anche per il dott. Morrone “questo progetto per ridurre il contagio può essere strutturato in maniera molto intelligente nei prossimi mesi dalle istituzioni”. Un appello che raccoglie l’assessore D’Amato, che promette l’avvio di un protocollo in tempi brevissimi: “mi sono sempre battuto per l'accesso pubblico e gratuito non solo per i test diagnostici ma anche per le cure. Altre regioni chiedono fino a 150 euro per un tampone, mentre noi ci siamo battuti affinché il servizio pubblico conservasse la sua centralità accanto a questo lavoro straordinario che fanno le associazione del Terzo Settore come Binario 95. L’attenzione della Regione sulla fascia più fragile della popolazione deve essere costante non solo in tempi di pandemia, ma in generale come misura di prevenzione sanitaria. Dobbiamo già da oggi costruire percorsi che possano includere e non escludere, questa è la questione di fondo. Lavoreremo per costruire un protocollo che faccia sentire la persona senza fissa dimora presa in carico dal sistema sanitario ma soprattutto dobbiamo rafforzare l’integrazione socio-sanitaria che è uno degli elementi fondanti di un nuovo modo di vedere la salute, non solo come sanità ma come benessere psicofisico”.

Ad oggi Dottor Binario ha effettuato oltre 1200 test a persone fragili e operatori e volontari del Terzo Settore di cui 605 tamponi molecolari per il covid-19, 306 test sierologici per il covid-19 e 400 test sierologici per l’epatite ABC. Il progetto si avvale del prezioso contributo di medici e infermieri volontari.

Peraltro Binario 95 è un bel posto, a dimostrazione che non è vero che la fragilità sta in luoghi altrettanto fragili: la bellezza può aiutare molto, in questo periodo”, ha chiosato Bonafoni.

Rivedi il webinar "Dottor Binario: un’eccellenza in prima linea contro il covid"

LINK RIEPILOGATIVI

Fonte: Agenparl

Video correlati

Dottor Binario arriva a Bari

Dottor Binario arriva a Bari

[Video]
02.03.2019 Marzo 2019 - Arriva all'Help Center di Bari il progetto "Dottor...
Tamponi per persone senza dimora all'Help Center di Roma Termini

Tamponi per persone senza dimora all'Help Center di Roma Termini

[Video]
09.12.2020 Il servizio del Tg3 Lazio: Covid-19, tamponi all'Help Center di Roma...

Cild racconta Dottor Binario

Cild racconta Dottor Binario

[Video]
04.01.2021 Coalizione Italiana Libertà e Diritti civili racconta, all'interno...