Città / Stazioni

Gli Help Center o Centri Aiuto sono servizi di orientamento nati dalla collaborazione tra il settore Politiche Sociali delle Ferrovie dello Stato e gli enti locali e del privato sociale.

Sono ubicati all’interno o in prossimità delle stazioni ferroviarie principali: il lavoro che svolgono si rivolge ad adulti, nuclei familiari, immigrati etc; si tratta di centri “a bassa soglia”, cioè privi di filtro all’ingresso.

Offrono un servizio di ascolto, orientamento, osservazione dello stato del disagio nei dintorni delle stazioni di interesse e (secondo le esigenze e le possibilità) effettuano anche prese in carico di utenti sui quali è possibile realizzare un progetto di recupero e reinserimento sociale, lavorando in rete con le altre strutture di assistenza sociale presenti sul territorio. Il servizio di orientamento è finalizzato all’invio degli utenti presso strutture pubbliche o convenzionate. Le principali richieste riguardano la soddisfazione di bisogni primari come mangiare, dormire, lavarsi; altri bisogni ricorrenti sono la richiesta di assistenza medica, legale o burocratica e la richiesta di aiuto per la ricerca di un lavoro. I centri sono affidati ad enti del privato sociale o gestiti direttamente dal Comune (L. 328/2000).

I primi due Help Center sono stati istituiti nelle stazioni di Roma e di Milano, a cui si sono aggiunti nel corso degli anni quelli di Bologna, Firenze, Napoli, Catania, Genova, Foggia, Chivasso, Pescara, Rimini, Bari, Messina, Torino, Melfi, Reggio Calabria e Trieste. È prevista prossimamente l’attivazione di altri centri anche nelle città di Venezia, Ancona, Rapallo, Varese.